l'Associazione Calcio Cesena è una società calcistica di Cesena e milita dalla stagione 2010-2011 nella serie A del campionato. italiano.
Nel 1940 il conte Alberto Rognoni, all'epoca ventiseienne, ebbe l'idea di creare una società con i colori dello stemma cittadino, dopo essersi avvicinato al calcio grazie al fratello minore, portiere del Forlì.
La squadra venne fondata da tre persone:
. il conte, studente di Legge all'Università di Modena e appassionato di pallacanestro;
. Arnaldo Pantani, ex giocatore di calcio nel Prato, che aveva militato in Serie C;
. Renato Piraccini, soprannominato Pènza ad fer, titolare di un negozio di pelletteria nel centralissimo Corso Mazzini ed ex dirigente della «Renato Serra».
Ai fondatori si unirono poi il dottor Montemaggi, il dottor Sarti, l'ingegner Mazzotti, ed altri, che costituirono il Consiglio direttivo della nuova società. Nella sua prima riunione, avvenuta il 21 aprile 1940 sotto la presidenza di Giuseppe Ambrosini, il Consiglio decretò la nascita dell'Associazione Calcio Cesena. Colori sociali: bianco e nero, gli stessi dello stemma comunale. Rognoni divenne presidente; Pantani, il più esperto di calcio, fu nominato allenatore-giocatore e a Piraccini fu affidato il ruolo di direttore sportivo. La sede legale fu stabilita in corso Umberto I presso la Casa del fascio; la sede operativa fu aperta nel palazzo del presidente Rognoni.
L'affiliazione della società alla FIGC avvenne l'8 agosto, contestualmente fu effettuata l'iscrizione al campionato di Prima Divisione. I giocatori furono ingaggiati in ambito locale tra le squadre rionali. Il primo acquisto importante dell'A.C. Cesena fu quello di Iro Bonci, che Piraccini prelevò dal Forlimpopoli per 1.500 lire.
Il debutto ufficiale dei bianconeri avvenne il 17 novembre 1940 (campionato di Prima Divisione) sul campo del Rimini "Riserve". I locali furono travolti da un perentorio 1-8.